Suitcase Stories

LUCIANO PAOLA

 

 

 

 

Chapuei, chabal (su e giù, salgo e scendo, tanti passi… inseguendo la quotidianità ai tempi del coronavirus )

 

 

 

 

 

 

Chapuei, chabal

di schale, per veire come istes tu, amoun a l’ultim pian, e tu que ses sarà dedin la prisoun que te ses fach. ..

Chabal, chapuei

dal viol dareire de caso,

per calmar la rabio, la doulour de acquisti journ trop pin.

Chapuei, chabal

dal pra’, dedin a en libre, a sercar lou “bel” que te charge en pau, que te empenise dedin, …

Chabal, Chapuei

de nuec

couro lou silensi te douno lou bram que as dedin!

Chapuei, chabal

bou i esteles per sercar de desgroupar lou fil de acquisti journ souspendu,

Chabal, chapuei

vers l’ albo de en journ que voulen síe different.

Salgo e scendo

Scale, per vedere come stai tu all’ultimo piano, e tu che sei chiuso dentro la prigione che ti sei costruito…

Scendo e salgo

ilsentiero dietro casa per calmare il dolore, la rabbia di questi giorni troppo pieni.

Salgo e scendo

attraverso il prato, con un libro, alla ricerca del ‘bello’ che ti ricarichi, che ti riempie dentro.

Scendo e salgo

di notte

quando il silenzio ti rimanda l’urlo che hai dentro!

Salgo e scendo

con le stelle a cercare di sciogliere il nodo di questi giorni sospesi,

Scendo e salgo

verso l’alba di un giorno che voglio sia differente.